Un Bombarolo

There is nothing, nowhere, neither on earth nor in heavens, that can make the true untrue or the untrue true. (Bartolomeo Vanzetti)

Uomini e lupi.

Qualche settimana fa ci siamo commossi per la storia del lupo Navarre, che sta meglio, e oggi leggiamo di una lupa che, invece, è stata più sfortunata. Per secoli l’uomo ha combattuto il lupo, fino a farlo praticamente scomparire dall’Europa occidentale. Da qualche anno i lupi stanno riconquistando i nostri boschi e, di nuovo, l’interazione con noi bipedi è problematica. Il rapporto tra uomini e lupi è sempre stato frastagliato. Una interessante descrizione dell’evoluzione dell’approccio dell’uomo agli animali selvatici la diede qualche anno fa Umberto Eco (Secondo Diario Minimo, il pezzo si chiamava “Come parlare geli animali”, con un po’ di buona volontà si ritrova da qua) e io sono d’accordo con quello che scrisse lui allora.

Ci sono due cose che vorrei aggiungere, però. La prima è che i cacciatori non sono più nemici dei lupi. Questo è qualcosa di incredibile, a prima vista. A seconda vista lo diventa un po’ meno. Il cacciatore non è un animalista, o almeno uno non si aspetta che lo sia, però, rispetto alla media della popolazione, il cacciatore ha una coscienza ecologica molto più sviluppata. Il cacciatore (furbo) sa che per andare a caccia ha bisogno di un ecosistema sano. In un ecosistema sano non ci sono piste da motocross nei boschi, gli incendi sono un problema e i lupi sono un elemento essenziale per garantire il giusto equilibrio. Un cacciatore (furbo) difende la natura, chi non sa distinguere una rovere da un leccio no, ma spesso parla.

La seconda è che qualcuno quella lupa l’ha investita e un cacciatore (scemo) a Navarre aveva sparato. Sparare ad un lupo con un fucile a pallini è un’idiozia, non lo ucciderai e al limite morirà tra atroci sofferenze giorni dopo. E poi, cosa pensa un cacciatore furbo l’ho scritto prima. Investire un lupo in una stradina nel bosco è criminoso: un lupo, a meno che non sia molto scemo pure lui, non ti si butta sotto la macchina. Allora questi fatti sono causati da gente che se ne frega, che è peggio della gente che fa danni con uno scopo.

I lupi ci insegnano ad apprezzare lo spirito animalista dei cacciatori (furbi) e a condannare la stupidità dei bipedi che fanno le cose senza aver acceso prima il cervello. È una fortuna che siano tornati sui nostri monti.

 

(Questo post è stato scritto pensando a Gloria e alla sua passione per i lupi.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: