Un Bombarolo

There is nothing, nowhere, neither on earth nor in heavens, that can make the true untrue or the untrue true. (Bartolomeo Vanzetti)

United we stand, divided we fall.

Da meno di due ore si sono concluse le operazioni di voto per il Comune di Genova e di molti altri, ma sui dati di Genova mi piace fare un piccolo ragionamento.

I primi dati, proiezioni, sondaggi, danno risultati largamente attesi: Doria (Centrosinistra) vicino alla vittoria al primo turno, Musso (lista civica basata su UDC, fondamentalmente), Vinai (Centrodestra) e Putti (Movimento 5 Stelle) a dividersi il resto, Rixi della Lega con pochi punti e gli altri briciole. Leggo commenti altisonanti e stupiti, eppure, da quando c’è questo sistema elettorale, il Centrosinistra ha sempre vinto, due volte al ballottaggio (Sansa e Pericu I) e due volte al primo turno (Pericu II e Vincenzi). Oggi Doria sarà poco sopra o poco sotto il 50%, perfettamente in linea con le ultime 4 elezioni comunali. Vista la situazione, forse sarebbe meglio se fosse “poco sopra”, almeno risparmieremmo i soldi del secondo turno.

Dico questo perché, se al ballottaggio andassero Doria e Musso, probabilmente Doria vincerebbe con una ventina di punti di scarto, mentre se al ballottaggio andassero Doria e Putti, Doria vincerebbe probabilmente con una trentina di punti di scarto. In questo secondo scenario, comunque, nulla e nessuno potrà fermare Grillo dal cantare vittoria. Certamente sta prendendo una quantità di voti molto grande, ma per un partito che corre da solo, o meglio, contro tutti gli altri, questo non vuol dire nulla. La differenza sta nel vincere o nel perdere, ed è destinato a perdere, probabilmente per sempre.

Tornano alla mente personaggi della sinistra “intransigente”, e della loro soddisfazione nell’aver preso qualche percento e avere la possibilità di fare “una bella opposizione”. Per gli elettori, questo significa compiacersi che i propri eletti avrebbero fatto meglio di chi è stato eletto, per gli eletti un lauto stipendio e nessuna responsabilità.

Grazie, Grillo, ora puoi sederti con Diliberto, Rizzo, Storace  e tutti gli altri che corrono per arrivare secondi e godersi la medaglia d’argento senza le seccature di chi ha preso l’oro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: