Un Bombarolo

There is nothing, nowhere, neither on earth nor in heavens, that can make the true untrue or the untrue true. (Bartolomeo Vanzetti)

Monti-bis, forse stiamo scherzando.

Mario Monti è stato chiamato dal Presidente della Repubblica a formare un governo e ha ricevuto la fiducia dalle Camere, esattamente come tutti i governi che l’hanno preceduto. Da questo punto di vista, il suo è un governo come tutti gli altri. Sotto molti altri punti di vista, invece, non lo è. Nasce come governo “tecnico”, ovvero formato da personalità di spicco ed autorevolezza non legate esplicitamente ai partiti: sarebbe bello se i governi “politici” fossero formati da personalità di spicco ed autorevolezza legate esplicitamente ai partiti, ma forse è chiedere troppo. Il governo tecnico ha un ruolo specifico, tamponare una situazione di crisi assumendo su di se il malcontento della gente. Per questo, nessun leader politico riteneva, alla vigilia, possibile un Monti-bis. Sui giornali e sui social network girano decine di notizie, commenti e altro che indicano Monti come il responsabile della crisi, l’emissario delle banche e dei poteri forti, come il male, in una parola: secondo me, chi mette in giro questo ritratto di Monti protegge i veri colpevoli della situazione in cui ci troviamo, situazione che si è generata negli ultimi decenni e non negli ultimi mesi.

Io, comunque, non sono qui per difendere Monti, perché, seppure devo ammettere che fa MOLTE cose, rispetto a chi lo ha preceduto, INFINITAMENTE PIÙ cose di chi lo ha preceduto, devo anche dire che molte di quelle cose non le condivido, a partire dall’aumento dell’IVA (sull’IMU, ad esempio, ci sarebbe da discutere secoli, ma non è il mio scopo ora). Quello che mi stupisce è che da giorni si parla di Monti-bis. Un secondo governo Monti andrebbe bene a CEI, FIAT, Confindustria, parte dei sindacati. Meno entusiasmo lo raccoglie tra i partiti, ma ad esempio Casini sarebbe pronto a sostenerlo. Lega, IDV e Grillo invece hanno fatto di Monti il nemico numero 1, per cui si sprecano in insulti e delegittimazioni. Grillo lo chiama sistematicamente Rigor Montis, tra l’altro. Solo io trovo estremamente fastidioso chi storpia i nomi del “nemico” per ridicolizzarlo? Grillo che parla a migliaia di persone del Presidente del Consiglio non sta facendo una battuta al bar tra amici, credo, dove questo tipo di linguaggio mi sembrerebbe appropriato.

Comunque, la notizia è che Monti si dà disponibile per un eventuale Monti-bis, peraltro mettendoci molti se e molti ma, e i partiti capiscono di avere una credibilità talmente bassa da rendere quest’ipotesi estremamente allettante per molti. Quello che stupisce è che non si rendano conto che, dichiarando che un Monti-bis è fondamentale per mantenere la credibilità del Paese all’estero, dichiarano anche che nessun altro leader politico attuale ha la benché minima credibilità. Più che appoggiare un Monti-bis, dovrebbero andare a nascondersi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: