Un Bombarolo

There is nothing, nowhere, neither on earth nor in heavens, that can make the true untrue or the untrue true. (Bartolomeo Vanzetti)

Il santo patrono dei mediocri.

C’era una volta un film, tanti anni fa, che parlava della vita di Mozart, un poco romanzata. Quel film, Amadeus di Miloš Forman. Reduce dal successo di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, Forman con Amadeus raccolse 8 premi Oscar e diverse altre cosette. Il film è bellissimo, vale la pena vederlo e rivederlo ogni tanto. Questa è la scena finale

Non voglio fare lo spoiler e farvi passare la voglia di guardarlo, anzi. Questa scena, però, è secondo me estremamente significativa. Mozart è morto da trentadue anni e Antonio Salieri, il suo “nemico” alla corte dell’imperatore d’Austria, vive i suoi ultimi anni in un manicomio, farneticando della mediocrità a cui Dio lo ha condannato, confrontandola col genio immortale del suo rivale. La mediocrità è il peggior dramma a cui Salieri si possa rassegnare, lui che ha inseguito per tutta la vita la grandezza. Dei mediocri si elegge santo patrono, addirittura.

Questo Salieri è un personaggio tragicamente inattuale.

Oggi la mediocrità va di moda, in tutti i campi. Nessuno studente si vanta di essere bravo, anzi, se ne vergogna, nessun lavoratore vuole mostrare di avere più buona volontà del collega, tutti i messaggi che ci vengono dai media contribuiscono a farci credere che più siamo mediocri e meglio è. Precursore di questo movimento mediocrista fu Mike Bongiorno, come ci insegna Umberto Eco in un saggio di oltre 50 anni fa. Oggi i suoi seguaci sono ovunque.In televisione l’apice insormontabile del mediocrismo si è raggiunto con i reality show, dove personaggi del calibro di Mascia Ferri sono diventati star. Non dite che il nome non vi dice nulla, non siete credibili.

Più recentemente, il mediocrismo ha raggiunto le stanze del potere, con personaggi del calibro di Nicole Minetti, che si vanta del suo appartenere al movimento, addirittura. La scelta della testata giornalistica che riporta questa notizia non è casuale. Ormai il mediocrismo ha pervaso la nostra società ad ogni livello: dall’idraulico poco competente, al commercialista che ci sbaglia il 740, all’insegnante che sbaglia i congiuntivi, ai parlamentari che confondono Darfur e fast-food. D’altra parte, la ricetta di innovatori, formattatori e rottamatori, di sostituire agli attuali mediocri degli altri mediocri, per di più impreparati, non so se sia così brillante.

Io sono troppo mediocre, per uscire dai ranghi dei discepoli di Salieri, ma tra di voi non c’è qualcuno che possa far tornare voglia alla gente di aspirare alla grandezza e non alla mediocrità?

Annunci

Una risposta a “Il santo patrono dei mediocri.

  1. moselleorthodoxe 12 luglio 2017 alle 20:59

    Il video bon è più disponibile, però i miei genitori me lo hanno fatto vedere una buona trentina di volte quando ero piccolo: ricordo Oggi c’è zucchero caramellato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: