Un Bombarolo

There is nothing, nowhere, neither on earth nor in heavens, that can make the true untrue or the untrue true. (Bartolomeo Vanzetti)

Extra Omnes.

Il Papa si è dimesso e il Vaticano è nella cosiddetta “sede vacante”. L’elezione del Papa, a parte i risvolti religiosi per chi è credente e quelli politici per tutti, ha un fascino particolare, con tutti i rituali che comporta. In tutto, oltre 5000 giornalisti sono a Roma in questi giorni per seguire il conclave, per le Olimpiadi a Londra erano circa 14000, per fare un confronto.

L’elezione di un nuovo Papa ha una serie di passaggi piuttosto complicati. Intanto, il Papa precedente deve uscire di scena, cioè, normalmente, morire. Il Papa è monarca assoluto dello Stato della Città del Vaticano e lo è a vita (a meno che, come Ratzinger e altri 4 o 5 prima di lui, non decida di dimettersi). Una volta che è stata dichiarata la sede vacante, tutti i Cardinali si riuniscono a Roma e iniziano una serie di riunioni per capire un po’ in che direzione guardare, per trovare il successore, finché non si rinchiudono in conclave per le votazioni. Il conclave nacque per far sì che i Cardinali potessero decidere senza troppe ingerenze esterne e per una questione di riservatezza: in fondo, l’autorità del Papa influisce sulla vita di un sacco di gente.

I Cardinali, a loro volta, sono nominati dal Papa: degli attuali 117 Cardinali elettori, 50 sono stati nominati da Giovanni Paolo II e 67 da Benedetto XVI. Di fatto, tutta l’alta gerarchia vaticana è molto autoreferenziale, il Papa attuale nomina i Cardinali che nomineranno il Papa futuro. Questo sistema è evidentemente antidemocratico, non tiene conto dell’opinione dei sacerdoti (che eleggevano il Papa fino al IV secolo) né tantomeno dei fedeli (che hanno smesso di avere voce in capitolo all’inizio del III secolo), però ha degli innegabili vantaggi. Il Papa, nello scegliere i Cardinali, non ha alcun timore che qualcuno di essi lo possa mettere in ombra, perché la sua carica è assoluta e a vita, quindi ha tutto l’interesse a circondarsi delle persone più valide. D’altra parte, i Cardinali, sapendo che il Papa, una volta eletto, rimane al suo posto finché campa, cercano di scegliere “la persona giusta”.

Indipendentemente dalle convinzioni religiose di ciascuno, non so quanti altri esempi ci siano, di leadership politica che si mantiene per due millenni senza mai entrare veramente in crisi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: